studio legale FANELLI GORGOGLIONE & ASSOCIATI - Milano


giovedì 20 settembre 2018

News

L'eccezione di legittimazione passiva e l'ordine del giudice implicitamente revocato

Affrontando il problema della legittimazione passiva sollevata dal convenuto in sede di costituzione in giudizio e del successivo ordine del giudice di chiamata in causa, la Corte di Cassazione, sez. III Civile, con sentenza 18 gennaio - 29 marzo 2012, n. 5051, Presidente Massera, Relatore Scarano, ha precisato che "quando ..il convenuto contesti di esser titolare dell'obbligazione dedotta in giudizio, indicando un terzo quale esclusivo soggetto passivo della pretesa attrice, non v'e' necessita' di integrare il contraddittorio nei confronti di detto terzo in quanto, potendo emettersi la pronunzia di accertamento della sussistenza o meno di quella titolarita' pur con effetti limitati alle parti in causa, non si versa in situazione di impossibilita' di adottare una pronunzia idonea a produrre gli effetti giuridici voluti senza la partecipazione al giudizio di determinati soggetti, sicche' in tale ipotesi l'intervento in giudizio del terzo puo' esser disposto in corso di causa ex art. 107 c.p.c., solo dal giudice di primo grado nell'esercizio di un potere discrezionale ed insindacabile, con l'ulteriore conseguenza che laddove, essendo rimasto inosservato l'ordine di intervento, detto giudice non abbia provveduto a cancellare la causa dal ruolo a norma dell'art. 270 c.p.c., deve ritenersi che abbia implicitamente revocato siffatto ordine" (v. Cass., 1/7/1998, n.6415; Cass., 13/12/1999, n.13943).

News

Studio Legale FANELLI GORGOGLIONE & ASSOCIATI - p.iva 06573980965
20122 Milano, Via Luciano Manara 5
tel. 02.944.33.000 (RA) fax 02.944.33.001
eMail: avvocatiassociati@fanelligorgoglione.eu

sviluppo web logovia